Abito da due anni in un condominio e, quando sono arrivato, era già in corso un’annosa polemica sulla rete di recinzione che separa il nostro giardino dal condominio vicino. I condomini del mio hanno piantato nel giardino condominiale dell’edera che si arrampica sulla rete. Dall’altra parte, la rete si affaccia sui vari giardini privati dei diversi condomini, divisi fra chi vuole l’edera e chi no. Ne nascono continue discussioni, con potature, piante che seccano (in modo certo non naturale) e litigi. Sarebbe possibile capire se l’edera può stare o meno sulla rete? Chi può tagliarla o toglierla? Grazie.
Paolo

 

Il problema oggetto della lettera è ricorrente. Le questioni giuridiche sono due: distanze legali e manutenzione delle piante. La distanze delle piante dal confine è regolata dal Codice civile che, a seconda della tipologia di pianta, ne la prevede in centimetri o metri. Nel caso di specie parrebbe che la distanza corretta sia di 50 cm dal confine.
La norma di riferimento è l’articolo 892 comma III del codice civile che prevede come la distanza sia di “mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo”. La norma indica anche che “la distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell’albero nel tempo della piantagione, o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina”. Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 896 del Codice civile, il proprietario del fondo “invaso” può recidere i rami delle piante del confinate che si propendono oltre confine.

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *