Mia madre ha ereditato (assieme alle due sorelle) la casa della nonna che vorrebbe vendere.
Il problema è che una delle due sorelle non è d’accordo. Mi è stato detto che se una delle eredi non vuole vendere non è possibile procedere. Mi può rispondere lei? Cosa prevede la legge in questi casi?
Lorenza

 

Gentile Lorenza, la comunione ereditaria (o incidentale) è caratterizzata dal fatto che sorge non per volontà delle parti che, loro malgrado, si trovano comproprietarie del bene immobile di cui parla. I beni pervengono agli eredi in proprietà pari alla loro quota ereditaria, quota ideale che va poi divisa. Procedere a questa divisione non è semplice: o l’immobile ha dimensioni tali da potere essere frazionato in parti di valore pari o approssimativo alla quota o, se non è possibile, occorre procedere a una vendita giudiziaria. Il veto di un erede quindi non blocca la vendita, la rende purtroppo solo molto costosa.
Spero che la zia ci ripensi, soprattutto se informata di quanto scritto sopra.

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *