Vivo in un condominio con meno di 10 condomini e la maggioranza dei millesimi è di una sola persona, così decide tutto lui.
Vorrei sapere se è mio diritto avere copia degli estratti conto del conto corrente condominiale visto che l’amministratore (da lui scelto) non vuole inviarmelo. Inoltre sono a chiedere se ho diritto di aver la chiave di una porta da cui si accede agli appartamenti della persona che ha la maggioranza ma anche a un vano condominiale.

S. F.

I fatti narrati rivestono connotati di gravissime violazioni di norme. Per il rendiconto bancario l’articolo 1129 del codice civile al comma 7 cita: “L’amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell’amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica”.
Negare copia dei documenti del condominio, potrebbe anche legittimare la richiesta di revoca dell’amministratore, attivando l’iter previsto dalla legge. Per il secondo quesito: sì ha diritto ad avere la chiave. A dirlo sono le norme basilari del diritto istituzionale e il fatto che il partecipante al bene comune, per la rispettiva quota, ne vanti il diritto di proprietà e quindi abbia pieno diritto di potervi accedere. In ogni caso, sussiste il diritto che non venga a nessuno precluso l’accesso.

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *