Morosità dell’inquilino

Caro avvocato, ho un piccolo appartamento locato con regolare contratto registrato.
L’inquilino da febbraio ha smesso di pagare il canone e mi garantisce che presto si rimetterà in pari. Intanto però passano i mesi e non cambia niente. A me quei denari servono in parte per vivere. Come posso fare a recuperarli? E questo signore in casa mia ci starà a vita?
Sono veramente ignorante in materia e il suo aiuto mi serve molto.
Una lettrice

 

Gentile lettrice, la sua vicenda, purtroppo molto comune, porta in sé due diversi problemi: recupero del credito e liberazione dell’immobile. Parto dal secondo che è più semplice. Ritengo che lei abbia atteso anche troppo a notificare uno sfratto per morosità. Questa è l’unica via per arrivare a liberare l’appartamento e ciò avverrà al termine della fase esecutiva (tempi effettivi variano da Comune a Comune). Il primo problema è ben più complesso, non tanto da un punto di vista giuridico, trattandosi di recupero del credito, ma pratico. Infatti, la procedura di recupero del credito è legata a un fattore importante: il debitore ha beni da perdere? Ha uno stipendio? Ha un conto in banca? Ha una casa? Insomma, avrà un’effettiva felice conclusione del recupero del credito non solo se il professionista a cui si dovrà rivolgere per la pratica lavorerà bene, ma anche se il debitore sarà perseguibile in concreto.

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.