Impianti elettrici. Manutenzione e certificazione degli impianti: perché è importante

Il patrimonio edilizio italiano è caratterizzato da un lungo periodo storico e, soprattutto nei centri storici, la sua datazione copre una storia millenaria. D’altro canto l’evoluzione tecnologica, soprattutto negli ultimi decenni,ha modificato enormemente le nostre abitudini, rendendo alla portata di tutti un numero significativo di apparecchi elettronici di uso quotidiano; Tablet, p.c., cellulari, lettori multimediali, e-book, condizionatori, modem, decoder sono solo una piccola parte di quanto usiamo e carichiamo quotidianamente.

Con quanto detto si capisce come l’utilizzo della rete elettrica si sia intensificato con il passare degli anni, ed è facile quindi capire come spesso l’impianto elettrico e le dotazioni delle unità immobiliari siano insufficienti alla nostra richiesta. Questo si traduce in un utilizzo usuale di “ciabatte”, spine multiple e via di seguito. Tutto normale, tutto tranquillo, tutto abituale finchè non si pensa che gran parte degli impianti di uso domestico sono stati costruiti dagli anni 80 in poi (ad essere ottimisti), quando cellulari, pc, etc… o non esistevano, o erano alla portata di pochi.

Uno degli effetti più pericolosi di questo divario fra le richieste attuali di carico e la qualità dei componenti dei terminali dell’impianto elettrico (cavi,prese,etc), senza entrare in dettagli tecnici noiosi, è il cortocircuito, il sovraccarico della linea elettrica, l’aumento della temperatura e il finale insorgere dell’incendio, con tutto quello che ne consegue.

Guardando le statistiche degli interventi dei Vigili del fuoco in un anno, relative ai soli incendi, una percentuale superiore al 60% riguarda le unità immobiliari. Di questi oltre il 35% è imputabile a guasti elettrici, il 18% alle canne fumarie ostruite, tutto il resto è imputabile a disattenzioni (sigarette accese, fiamme dei fornelli lasciate incustodite – fonte www.vigilfuoco.it). E’ superfluo citare il pericolo della fiamma generata da un incendio e degli stessi prodotti da combustione, quale fumo, gas tossici etc.

Sulla rete è facile trovare video che mostrano la facilità e velocità con cui le fiamme possono divampare. In un appartamento di media grandezza, con normale arredamento, in 5 minuti si puo’ raggiungere livelli distruttivi.

Come possiamo tutelarci da tutto questo?

L’evoluzione normativa ha cercato di sanare questo divario introducendo obblighi sempre maggiori per quanto riguarda la manutenzione e la gestione degli impianti, estendendo e classificando gli impianti con obbligo di progetto e certificazione degli impianti stessi e dando regole attuative di quanto prescritto solo da un punto di vista normativo fino ad allora.

La certificazione dell’impianto è un elemento fondamentale che attesta l’esecuzione a regola d’arte dello stesso, ossia che tutto è conforme alle regole di buona tecnica.

Il Dm 37/08 del 22 gennaio 2008 è stata l’ultima emanazione in questo senso; tale decreto ha introdotto l’obbligo di allegare le certificazioni degli impianti alle locazioni e compravendite degli immobili, in modo tale che ci fosse una maggiore sensibilizzazione al problema.

L’obbligo è stato abolito dal Dlgs 112 del 26/06/08 ma permane il dovere di conoscenza ed informazione sugli stessi con relativa comunicazione fra venditore e/o locatario e acquirente . Frase un po’ vaga e con molteplici connotazioni in quanto la sola informazione implicherebbe una conoscenza dettagliata e tecnica della materia da parte di tutti gli attori.

In considerazione dell’età media degli impianti, come accennato precedentemente, e nonostante l’obbligo del rilascio della dichiarazione di conformità sussistesse già dal 1990 ( con il D.L 46 del 5/05/1990), e soprattutto considerando che spesso le imprese non adempivano agli obblighi, tale documentazione non sempre è di facile reperibilità.

Questa problematica è stata di fatto superata con il DM 37/08 e l’introduzione della Dichiarazione di Rispondenza, redatta da un professionista operante nel settore specifico,con esperienza di almeno 5 anni, che sostituisce la documentazione di conformità qualora questa sia stata persa o mai rilasciata, per impianti precedenti all’entrata in vigore del decreto.

E’ comprensibile, come spesso succede, interpretare l’obbligo come un maggior onere sia economico sia d’impegno per il singolo proprietario ; d’altro canto l’importanza della corretta manutenzione, delle dichiarazioni di conformità redatte secondo la normativa e nel rispetto delle medesime, risiede nel fatto che questi attestano la realizzazione dell’impianto a regola d’arte.

Non si tratta quindi di semplice carta, ma di tutta una serie di adempimenti e documentazione attraverso le quali un professionista si assume la responsabilità dell’opera nella sua completezza e della sua sicurezza e della incolumità degli utilizzatori.

E’ importante quindi farsi rilasciare la documentazione ogni volta che si fa un intervento sull’impianto al fine di avere la garanzia che questo sia perfettamente funzionale. Ovviamente non bisogna sottovalutare l’utilizzo di prodotti certificati e marcati CE, che ne garantiscono un utilizzo controllato e sicuro.

Autore: ing. Elisa Puccetti – consulente tecnico Confabitare

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *