Il convegno “Casa Sicura – Eventi Sismici” organizzato da Confabitare Ravenna – 12 Maggio 2017

  • gallery
  • gallery
  • gallery

 

Lo scorso 19 gennaio si è costituita la sede ravennate di Confabitare – con recapiti a Ravenna, in via Ravegnana, 27 e Lugo, in Galleria Minardi, 27 – che si è ufficialmente presentata alla città organizzando il convegno del 12 maggio, sul tema “Casa sicura – Eventi sismici”, ospitato nella prestigiosa Sala Cavalcoli della locale Camera di Commercio.

L’incontro, patrocinato dal Comune di Ravenna, è stato realizzato in collaborazione con il locale Ordine degli Avvocati e con l’Ordine Regionale dei Geologi dell’Emilia Romagna ed è stato reso possibile anche grazie al contributo di sponsor locali quali “Assicura”, società ravennate di consulenza assicurativa, “Ufficio dei Consulenti Finanziari di Banca Mediolanum spa di Lugo” e le imprese ravennati “Ricci Marmi” e “Morigi Impresa Edile”.

Prezioso coordinatore dell’attività preparatoria del seminario è stato il Geom. Agostino Caravita, vice presidente di Confabitare Ravenna.

Nel corso del convegno il tema della sicurezza sismica negli edifici è stato trattato con particolare attenzione al progetto di legge urbanistica recentemente licenziato dalla Giunta Regionale dell’Emilia-Romagna e di prossima approvazione da parte del Consiglio Regionale.

Assai numerosi sono stati i relatori, preceduti dai saluti del Dott. Giorgio Guberti, Vicepresidente della Camera di Commercio di Ravenna, del Dott. Alberto Zanni, Presidente Nazionale di Confabitare, del Dott. Roberto Giovanni Fagnani, Assessore Comunale ai Lavori Pubblici e dell’Avv. Gian Paolo Babini, Presidente della sede ravennate di Confabitare, che ha moderato l’intero incontro.

La Dott.ssa Federica Del Conte, Assessore del Comune di Ravenna all’Urbanistica, Edilizia Privata e Rigenerazione Urbana, ha incentrato il proprio intervento sulle norme dell’emananda legge urbanistica regionale finalizzate a favorire la qualificazione ed il recupero funzionale del patrimonio edilizio esistente, con l’introduzione di elementi premiali volti a migliorare l’adeguamento delle condizioni di sicurezza degli edifici sotto il profilo sismico, nonché il miglioramento delle loro caratteristiche di ecosostenibilità.

Due sono state invece le relazioni del Dott. Geol. Sergio Nannini, responsabile dell’Unità Operativa del Comune di Ravenna di Geologia e Protezione Civile. La prima ha avuto un taglio prettamente scientifico, tramite la descrizione delle cause degli eventi sismici con riferimenti anche alle condizioni territoriali locali, mentre la seconda ha illustrato la legislazione nazionale sulle attività di Protezione Civile, nonché i piani di Protezione del Comune di Ravenna.

E’ stata poi la volta del Geom. Enrico Conti che, esaminando la nuova legge regionale, si è soffermato sulle norme volte ad incentivare la rigenerazione, l’adeguamento sismico e l’efficienza energetica.

L’Ing. Paolo Lini ha invece trattato del c.d. sismabonus, vale a dire del primo strumento di attivazione di una concreta politica di prevenzione sismica del patrimonio edilizio abitativo e produttivo del Paese, introdotto dalla legge di stabilità del 2017 con la previsione di importanti incentivi fiscali.

L’Arch. Giuseppe Galli ha invece svolto un’interessante relazione dedicata al confronto tra architettura ed ingegneria riguardo alla prevenzione sismica.

Il Dott. Paride Antolini, Presidente dell’Ordine dei Geologi dell’Emilia-Romagna, ha illustrato l’evoluzione storico-geologica del territorio ravennate, mentre l’Avv. Maurizio Pavirani ha relazionato sulla riqualificazione edilizia e sull’istituto dell’accordo operativo, previsto dalla nuova proposta di legge regionale quale  principale strumento di attuazione del piano urbanistico generale (PUG) e di attribuzione dei diritti edificatori (ad eccezione di quelli diretti attribuiti dal PUG medesimo).

Assai interessante anche la relazione di Alberto Catagna, delegato tecnico per la protezione civile della Croce Rossa, che ha parlato di Empowerment della popolazione in caso di catastrofe e, dunque, degli interventi eseguiti da Protezione civile / Croce Rossa ai fini della prevenzione, del soccorso e del ripristino nell’eventualità di disastri naturali, quali i terremoti.

La Dott.ssa Alessandra Savini, tesoriera di Confabitare Ravenna, e la Geom. Claudia Giorgini si sono invece alternate nella descrizione delle agevolazioni fiscali e degli incentivi sugli interventi di ristrutturazione e di prevenzione, mentre il Dott. Pier Paolo Ricci ha approfondito il tema degli strumenti di finanziamento disponibili per gli interventi edilizi, dando pubblico annunzio – tra l’altro – della nascita di una nuova convenzione tra Banca Mediolanum e Confabitare.

E’ quindi seguita la relazione del Dott. Gianluigi Miccoli, che si è soffermato sulle tutele offerte delle polizze assicurative a copertura del rischio terremoto ed eventi catastrofali.

Il convegno si è quindi concluso con l’intervento del Geom. Andrea Tarozzi, componente di GEO-CAM (organismo di mediazione interprofessionale nazionale con il quale Confabitare ha stipulato una recente convenzione), che ha descritto gli istituti della mediazione civile e della conciliazione, finalizzati alla composizione stragiudiziale delle vertenze tra soggetti privati, soffermandosi sul ruolo che possono avere nelle controversie di responsabilità nella  progettazione.

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *